Chiudono in gloria gli Europei di nuoto: per gli azzurri 74 medaglie. E’ record storico

Chiudono in gloria gli Europei di nuoto: per gli azzurri 74 medaglie. E’ record storico

22/08/2018 0 Di Redazione

29 ori, 23 argenti, 22 bronzi: è il bottino con cui rientrano a casa gli azzurri del nuoto paralimpico, dopo le ultime bracciate nella vasca del National Aquatic Centre di Dublino, dove si sono conclusi gli Europei

ROMA – Ultime bracciate nella vasca del National Aquatic Centre di Dublino, per gli azzurri impegnati agli Europei di nuoto, stasera, a caccia delle ultime medaglie per rimpinguare un bottino già stratosterico.

E arrivano 4 ori, due argenti e 2 bronzi che portano il medagliere azzurro complessivo a 74 (29 ori, 23 argenti, 22 bronzi).

Bronzo per rompere il ghiaccio quello di Federico Morlacchi sui 100 rana SB6, con 1:12.99, mentre l’oro va allo spagnolo Salguero Galiste in 1:09.24 e l’argento all’olandese Van Duuren (1:11.22).

Stefano Raimondi è d’argento sui 100 stile S10, che chiude in 51.99 alle spalle dell’oro Krypak (50.92) e davantia Dubrov (52.21).

Poi arriva il bronzo di Urso sui 100 delfino S11, coperti in 1:10.95, oro allo spagnolo Oliver (1:05.44), argento all’ucrainoSmyrnov in 1:07.68.

Simone Barlaam in grande stile chiude con la prima posizione e firma il nuovo record del mondo dei 50 stile S9 (25.00) davanti all’argento Bozhynskyi (26.43) e al bronzo Mari Alcazar (26.50).

Anche Carlotta Gilli è splendida medaglia d’oro, sui 50 stile S13 con il crono di 26.90, davanti all’ucraina Stetsenko (27.83) e alla spagnola Polo Lopez (28.63), come Alessia Berra, regina dei 100 delfino S12 con 1:06.43, davanti alla spagnola Delgado Nadal (1:08.34) e alla tedesca Krowzow (1:09.17).

Anche GIulia Ghiretti festeggia il titolo europeo e chiude in bellezza i 50 delfino S5 in 46.68, su un podio per il resto turco (Ozturk argento con 48.29 e Boyaci bronzo con 48.90).

Infine la staffetta 4×100 misti, che regala l’ultima medaglia di questi Europei, d’oro, con il tempo di 4:13.79, che inizialmente era argento alle spalle dell’Ucraina che poi è stata squalificata.

Mai l’Italnuoto era arrivata così in alto in una rassegna continentale, mettendosi nel medagliere generale dietro alla corazzata ucraina (107 allori) e davanti alla Gran Bretagna (55). (a cura del Cip)