Parchi gioco inclusivi e sport per tutti

Parchi gioco inclusivi e sport per tutti

21/05/2019 0 Di Redazione

Le raccomandazioni dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA) per bambini e ragazzi con disabilità.

Presentato il 9 maggio 2019 il documento di studio e proposta dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA) “Il diritto al gioco e allo sport dei bambini e dei ragazzi con disabilità”, per l’attivazione di azioni che consentano di diffondere una cultura del gioco e dello sport per i bambini e ragazzi con disabilità e a garantire la piena accessibilità e l’inclusione per tutte le tipologie di disabilità, in tutti i contesti e a tutte le età.
L’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA), è stata istituita nel 2011 quale Autorità indipendente di garanzia, con il compito di dare attuazione alla Convenzione di New York e alle altre norme internazionali ed europee finalizzate alla promozione e alla tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Le raccomandazioni descritte nel documento sono rivolte al Governo, al Parlamento, alle Regioni, agli Enti locali, ai servizi socio-sanitari ed educativi, alle agenzie sportive e a determinate categorie di professionisti, con l’obiettivo di stimolare l’assunzione di misure e provvedimenti che contribuiscano alla creazione di comunità accessibili e inclusive.
Nello specifico si raccomanda al Governo e in particolare al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, alle Associazioni, Federazioni e Confederazioni sportive, all’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), agli Ordini professionali e alle agenzie formative:
di includere le tematiche della accessibilità al gioco per i bambini e ragazzi con disabilità nella formazione di tutti gli operatori del settore (insegnanti, operatori di ludoteche, biblioteche, animatori);
di includere le tematiche della accessibilità allo sport per i bambini e ragazzi con disabilità nella formazione di tutti gli operatori del settore sportivo;
di promuovere e organizzare attività di formazione e sensibilizzazione sul tema del diritto al gioco destinate a tutti i professionisti che lavorano con e per i bambini o il cui lavoro ha un impatto sui minorenni (funzionari governativi, educatori, operatori sanitari, assistenti sociali, bambini e operatori sanitari, pianificatori e architetti, ecc.).
L’AGIA inoltre, raccomanda la strutturazione di modalità stabili per la raccolta di informazioni e dati sui bambini e i ragazzi con disabilità e in particolare sull’accesso al gioco e allo sport e la messa a disposizione per operatori, familiari e utenti di una mappatura dinamica delle realtà ludiche e sportive che garantiscono l’accessibilità.

Per ulteriori informazioni, cliccare su:
Il diritto al gioco e allo sport dei bambini e dei ragazzi con disabilità

Fonte: Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA)

Immagine tratta da Pixabay.com/
di Antonello Giovarruscio